Ambienti e laboratori per la transizione ecologica

Realizzare Ambienti e Laboratori per l’educazione e la formazione alla transizione ecologica è la nuova sfida PON che il MIUR pone alle scuole. Come farlo? Creando orti didattici che possano essere campi di osservazione, di esplorazione e apprendimento immersivi.
A questo scopo si introduce BIOBOT, l’Orto Mobile didattico e scientifico, che consente agli studenti di realizzare le colture in classe, di monitorare tantissimi parametri e di avvicinarsi all’agricoltura 4.0 come specificatamente indicato dal Ministero.


Ambienti e laboratori per l’educazione e la formazione alla transizione ecologica” è dunque il nuovo Avviso PON (Avviso pubblico 50636 del 27 dicembre 2021) per il quale è previsto un notevole finanziamento (102 milioni del fondo PON).
Per questo avviso le scuole non devono presentare progetti poiché la procedura è stata semplificata e basta solo aderire! Attenzione però alla scadenza fissata al 31 gennaio.
Inoltre, possono partecipare sia le scuole del primo ciclo con l’azione dello stesso Avviso denominata “Edugreen: laboratori di sostenibilità del primo ciclo” sia scuole del secondo ciclo con l’azione denominata “Laboratori Green, sostenibili e innovativi per le scuole del secondo ciclo”

BioBot orto Mobile per la formazione alla transizione ecologica

Con l’Orto Mobile BioBot si ha un laboratorio curioso e innovativo per l’educazione e la formazione alla transizione ecologica in classe. Esso, infatti, consente di realizzare colture di diverso tipo (ci sono 3 vasi di coltura) e di monitorarne l’irrigazione grazie ad Arduino, che pilota tutto il sistema, e ai sensori di umidità inseriti in ciascun vaso. L’irrigazione è altresì automatizzata (pompaggio dell’acqua appositamente studiato) e saranno gli studenti stessi a decidere il corso di vita delle colture e i valori da inserire nel sistema facendo esperienza diretta. Inoltre si potranno seguire tantissimi altri parametri grazie ai diversi sensori in dotazione.
Sarà possibile anche realizzare esperimenti di scienze e osservazioni che appunto investigano l’orto mobile e il suo ecosistema green (manuali di scienze e kit strumenti in dotazione).
Con l’Orto mobile BioBot gli studenti si avvicinano al mondo naturale e all’educazione ambientale con un’ottica innovativa volta alla sostenibilità e al risparmio delle risorse.

condividi questo articolo